CAMERA

Il Centro Italiano per la Fotografia di Torino viene comunicato mediante una rinnovata veste grafica a partire dalla mostra L’Italia di Magnum. Da Henri Cartier-Bresson a Paolo Pellegrin. L’intenzione che informa il nuovo progetto grafico valorizza lo scatto fotografico selezionato come immagine guida, che viene compreso nel disegno di un sistema “elastico” utile a declinare l’impianto visivo generale sui diversi supporti di comunicazione: la cornice asimmetrica e la grande quantità di bianco intorno a questa immagine permettono l’utilizzo delle proporzioni originali dello scatto e gli garantiscono il giusto isolamento dal contesto in cui è trasmesso. L’insolito trattamento del marchio logotipico dell’istituzione concede un tocco di dinamismo alla composizione, senza tuttavia pregiudicarne la semplicità d’impianto generale.

Il Centro Italiano per la Fotografia di Torino viene comunicato mediante una rinnovata veste grafica a partire dalla mostra L’Italia di Magnum. Da Henri Cartier-Bresson a Paolo Pellegrin. L’intenzione che informa il nuovo progetto grafico valorizza lo scatto fotografico selezionato come immagine guida, che viene compreso nel disegno di un sistema “elastico” utile a declinare l’impianto visivo generale sui diversi supporti di comunicazione: la cornice asimmetrica e la grande quantità di bianco intorno a questa immagine permettono l’utilizzo delle proporzioni originali dello scatto e gli garantiscono il giusto isolamento dal contesto in cui è trasmesso. L’insolito trattamento del marchio logotipico dell’istituzione concede un tocco di dinamismo alla composizione, senza tuttavia pregiudicarne la semplicità d’impianto generale.

TipologiaIdentità visiva
ClienteCAMERA – Centro Italiano per la Fotografia
Anno2017